Una giornata al Supermercato

 

 

Una giornata al Supermercato

Se parte da casa, quasi tutti al sabato, perché prefestivo, pochi lavorano, e via, destinazione Supermercato de Belùn, alcuni anche fuori Provincia, forse hanno prezzi più bassi, bisogna andare a vedere, ho sentito dire dall’amica della mia amica, che do pàr la bàssa i te regala la roba, pensa che con neanche 100 euri te gnèn fòra con càret pien de tùt.

Oggi sembra che i se sia messi tutti d’accordo, per fare spese, già due, tre Km. prima devi fare la fila con la macchina, avanti a passo d’uomo, la femena che se impinza na cicca, i bòce da drìo che i salta de quà e de là con le scarpe sù per la tappezzeria dei sedili, le frègole delle patatine “Pay” che s’ intrufolano dentro pàr le sfèse dei tappeti, un’automobilista che a tutti i costi ti vuole sorpassare e immettersi davanti al muso della tua vettura, àn bèl frenòn, carica de eresie, la canzoncina su radio Birikina de Nilla Pizzi “Papaveri e Papere”…te se già còt.

Finalmente si arriva in questo grande parcheggio, e te ha àvù anche fortuna, àn posto libero, che fondo,…Sbagliato,…, àn negro pien de dènt bianchi come la neve, con addosso un giubbino color verde pisello catarifrangente, ti fischia come a un cane, e ti manda via, più avanti, àn naltro color marron ti dice: << per di là! >> un’altro ancora color càrbon, te ha fàt parcheggiar dove che àl à òlest. Ancà quà tuti che te comanda.

Si scende, ed è subito caccia al carrello, dopo vani tentativi finalmente ghe mete sora le màn a ùn, ma ghe ol due euri, porca vacca…, desmentegadì sulla scàrsèla de quelle altre bràghe.

Disperazione, cavei su dreti, niente da fare, te tòca umiliarte, te me pàr ùn che và pàr carità, chiedendo ai passanti se i te fà mòneda.

Entro, ti sembra un formicaio, chi che và…chi che gnèn, che càos, la fèmena che vuole prendere la corsia B, ti te ha vìst al reparto ferramenta, e te òl àndar de là, i bòce i ha vìst i giochi, chi èlo che lì tira via àdès.

Ben o mal, la famiglia si riunisce, e decide che forse è meglio seguire la scia degli altri, e così sembra di andare in giostra, sugli autoscontri, la scarogna, sempre presente vuole che àn fiòl àl se cìàpe àn dèt intràmedo, e così lo carichi sul carrello tra pianti e urla, tutti che te vàrda…e i pensa,…che Pàre disgràzià!

Tutto poi procede manco-peggio, fino a che non arrivi al reparto giocattoli, là, se no te hà quattro òcì, i bòce i te tira do àl scàfàl.

Dopo ore di girovagare, intravedi il punto di arrivo.., 25 casse, sù quale mi metto in fila? Naturalmente dove vedi meno gente, ma non hai fatto i conti che però hanno tutti i carrelli stracolmi, e cosi te vede quello della fila de là, che era dopo di tè, pagare e uscire tranquillamente, che rabbia, che rabbia…pazienza, condita con “scìràche”.

Sembra impossibile, e te prega che no succede altro, invece proprio quando stai travasando la merce dal carrello al nastro trasportatore della cassa, al bòcia: <<Papà, mi scappa…de gròss…>> e quell’altro: <<Mi ho seì…>> che imbarazzo, a ùrlàr pàr tànàrlì.

Si esce così, cercando di far memoria dove avevi parcheggiato, per finalmente caricare il tutto e tornarsene a casa, e son sicùr che la sera te se pì stràch de nà giornata de làoro.

Però!…, sòn stàt al Supermercato co la fàmeia…

Ennio Pavei